Il ruolo dell’“avvicinato” nel delitto di associazione mafiosa