Non costituisce reato di cui all'art. 595 c.p., se non si eccedono i limiti del diritto di critica.