Non si configura il reato di truffa, ma soltanto quello di abusivo esercizio della professione, se i pazienti conoscono la carenza del titolo.