La nonna che non esiste: Annamaria Cancellieri, Hegel e la classe generale