Incontri con banalità straordinarie: Leibniz, Dudù, e le verità analitiche