Trieste. Il riscatto della città pubblica? Tra permanenza e abbandono