La rappresentazione sociale delle persone adulte con disabilità, specie se di natura intellettiva e psichica, evidenzia ancora oggi molte riserve sulla possibilità che esse abbiano una vita indipendente, magari con un proprio lavoro e una propria abitazione. Nonostante i molti progressi sul piano dei principi e dei diritti, gli approcci al problema, nella maggior parte dei casi, rimangono di tipo assistenziale e custodialistico, contribuendo così a confermare nell'immaginario collettivo l'idea che disabilità e autonomia non siano mai del tutto conciliabili. Per chi è disabile, l'adultità è una condizione fuori tempo, un perenne disallineamento fra età anagrafica e il ruolo, le funzioni e le potenzialità che la società, di norma, associa a quella fase della vita. La sfida dell'inclusione sociale, però, non ammette interruzioni e fuori dalle mura scolastiche si traduce in progetti educativi che offrano alle persone con disabilità l'opportunità di andare a tempo, di riappropriarsi cioè della dimensione adulta in tutte le sue manifestazioni. Il volume trae spunto dai lavori di un convegno organizzato sul tema dal Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Trieste e raccoglie una serie di contributi di ricercatori ed esperti del settore che inquadrano l'argomento attraverso le sue questioni di fondo, propongono alcune ricerche condotte in ambito nazionale e internazionale, suggeriscono metodi e strumenti per la formazione degli operatori e, infine, documentano una serie di esperienze significative realizzate da strutture e servizi sul territorio.

Andare a tempo. Ripensare la vita indipendente dell'adulto con disabilità

CORNACCHIA, MATTEO
2015

Abstract

La rappresentazione sociale delle persone adulte con disabilità, specie se di natura intellettiva e psichica, evidenzia ancora oggi molte riserve sulla possibilità che esse abbiano una vita indipendente, magari con un proprio lavoro e una propria abitazione. Nonostante i molti progressi sul piano dei principi e dei diritti, gli approcci al problema, nella maggior parte dei casi, rimangono di tipo assistenziale e custodialistico, contribuendo così a confermare nell'immaginario collettivo l'idea che disabilità e autonomia non siano mai del tutto conciliabili. Per chi è disabile, l'adultità è una condizione fuori tempo, un perenne disallineamento fra età anagrafica e il ruolo, le funzioni e le potenzialità che la società, di norma, associa a quella fase della vita. La sfida dell'inclusione sociale, però, non ammette interruzioni e fuori dalle mura scolastiche si traduce in progetti educativi che offrano alle persone con disabilità l'opportunità di andare a tempo, di riappropriarsi cioè della dimensione adulta in tutte le sue manifestazioni. Il volume trae spunto dai lavori di un convegno organizzato sul tema dal Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Trieste e raccoglie una serie di contributi di ricercatori ed esperti del settore che inquadrano l'argomento attraverso le sue questioni di fondo, propongono alcune ricerche condotte in ambito nazionale e internazionale, suggeriscono metodi e strumenti per la formazione degli operatori e, infine, documentano una serie di esperienze significative realizzate da strutture e servizi sul territorio.
9788867602902
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Andare a tempo.pdf

non disponibili

Descrizione: PDF del volume completo
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 3.1 MB
Formato Adobe PDF
3.1 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2841918
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact