La possibilità che il sale avesse avuto un ruolo importante nelle dinamiche insediative del Carso e dell’Istria (Adriatico nord-orientale) fin dalla tarda preistoria è stata ipotizzata principalmente in base a indicatori indiretti, e non è stata validata finora da interventi di campo mirati. Indicatori indiretti quali l’accertato uso pastorale di parecchie grotte carsiche (pastorizia e sale sono legati dalla necessità di integrare l’alimentazione delle greggi di caprovini); la presenza di un numero alto di oggetti “esotici” in molti siti (oggetti dati / ricevuti in cambio di bestiame e sale?); dati etno-storici: presenza di impianti produttivi / saline sicuramente da epoca romana fino al secolo scorso lungo tutto il litorale (in Istria una salina è tuttora attiva). In età protostorica, alcuni materiali ceramici rinvenuti nel sito lungo costa di Stramare di Muggia e nel castelliere di Elleri sarebbero interpretabili come briquetage, e dunque costituirebbero prove dirette della produzione di sale. Nella letteratura specialistica sul sale sono considerati validi sia gli indicatori diretti sia quelli indiretti: nondimeno, la loro tipologia e l’uso esclusivo piuttosto che integrato degli stessi potrebbero costituire tema di discussione teorico-metodologica. L’individuazione di analisi archeometriche (lato sensu) tali da confermare la presenza / produzione di sale in ambienti idonei anche dal punto di vista geo-ambientale è un altro tema di possibile approfondimento (il team interdisciplinare UniTs-ICTP prevede di affrontare la questione a partire dal 2015). Da ultimo, sarebbe interessante sviluppare la dimensione diacronica del fenomeno sale, evidente dall’importanza che hanno in moltissimi casi i dati etno-storici.

Il sale nel Caput Adriae (Adriatico Nord occidentale): dati, ipotesi, prospettive di approfondimento

MONTAGNARI, EMANUELA;DE MIN, ANGELO;LENAZ, DAVIDE;
2015

Abstract

La possibilità che il sale avesse avuto un ruolo importante nelle dinamiche insediative del Carso e dell’Istria (Adriatico nord-orientale) fin dalla tarda preistoria è stata ipotizzata principalmente in base a indicatori indiretti, e non è stata validata finora da interventi di campo mirati. Indicatori indiretti quali l’accertato uso pastorale di parecchie grotte carsiche (pastorizia e sale sono legati dalla necessità di integrare l’alimentazione delle greggi di caprovini); la presenza di un numero alto di oggetti “esotici” in molti siti (oggetti dati / ricevuti in cambio di bestiame e sale?); dati etno-storici: presenza di impianti produttivi / saline sicuramente da epoca romana fino al secolo scorso lungo tutto il litorale (in Istria una salina è tuttora attiva). In età protostorica, alcuni materiali ceramici rinvenuti nel sito lungo costa di Stramare di Muggia e nel castelliere di Elleri sarebbero interpretabili come briquetage, e dunque costituirebbero prove dirette della produzione di sale. Nella letteratura specialistica sul sale sono considerati validi sia gli indicatori diretti sia quelli indiretti: nondimeno, la loro tipologia e l’uso esclusivo piuttosto che integrato degli stessi potrebbero costituire tema di discussione teorico-metodologica. L’individuazione di analisi archeometriche (lato sensu) tali da confermare la presenza / produzione di sale in ambienti idonei anche dal punto di vista geo-ambientale è un altro tema di possibile approfondimento (il team interdisciplinare UniTs-ICTP prevede di affrontare la questione a partire dal 2015). Da ultimo, sarebbe interessante sviluppare la dimensione diacronica del fenomeno sale, evidente dall’importanza che hanno in moltissimi casi i dati etno-storici.
978-88-6045-088-3
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
sale.pdf

non disponibili

Descrizione: pdf editoriale
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 1.05 MB
Formato Adobe PDF
1.05 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2870506
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact