Il celebre incontro di Canossa (gennaio 1077) tra Enrico IV penitente e Gregorio VII "assolutore" viene ripensato e riproposto come "luogo esemplare" di confronto tra il germanesimo (Enrico IV e il regno/impero tedesco) e la latinità (Gregorio VII, Matilde di Canossa ed altre persone di rilevanza politico/religiosa presenti nel castello canusino). Partendo da un importante saggio di Marc Bloch sull'impero e valutata la rilevanza dell'approccio storiografico di Giovanni Miccoli, nonché il lavoro ecdotico e storiografico di Elke Goez e di Werner Goez, si sottolinea la piena validità di un contributo apparentemente dimenticato di Hermann Heimpel e delle sue parole "Es war einer der Siege, an denen man stirbt". La "sconfitta" di Canossa viene poi collegata con una "vittoria" particolarmente enfatizzata dalla storiografia tedesca, e cioè la vittoria di Arminio, principe dei Cherusci, su Publio Quintilio Varo e sulle sue legioni nella selva di Teutoburgo (9 d.C.). Una vittoria prima della sconfitta, nella realtà e nella mitologia della storiografia tedesca.

Canossa tra germanesimo e latinità. Alcune riflessioni

FORNASARI, GIUSEPPE
2016

Abstract

Il celebre incontro di Canossa (gennaio 1077) tra Enrico IV penitente e Gregorio VII "assolutore" viene ripensato e riproposto come "luogo esemplare" di confronto tra il germanesimo (Enrico IV e il regno/impero tedesco) e la latinità (Gregorio VII, Matilde di Canossa ed altre persone di rilevanza politico/religiosa presenti nel castello canusino). Partendo da un importante saggio di Marc Bloch sull'impero e valutata la rilevanza dell'approccio storiografico di Giovanni Miccoli, nonché il lavoro ecdotico e storiografico di Elke Goez e di Werner Goez, si sottolinea la piena validità di un contributo apparentemente dimenticato di Hermann Heimpel e delle sue parole "Es war einer der Siege, an denen man stirbt". La "sconfitta" di Canossa viene poi collegata con una "vittoria" particolarmente enfatizzata dalla storiografia tedesca, e cioè la vittoria di Arminio, principe dei Cherusci, su Publio Quintilio Varo e sulle sue legioni nella selva di Teutoburgo (9 d.C.). Una vittoria prima della sconfitta, nella realtà e nella mitologia della storiografia tedesca.
978-88-6809-114-9
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Spoleto 2016. Matilde di Canossa 2016.pdf

non disponibili

Descrizione: "Articolo principale"
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 609.97 kB
Formato Adobe PDF
609.97 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2889893
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact