L'inconfessabile virtù: Macchiavelli, Shakespeare, Mazzarino e la violenza nella lotta politica