Il graffio: Attilio Regolo