Scopo di questa memoria è quello di illustrare il ciclo di lavoro e l’impianto innovativo di produzione di composti ad alto valore economico e di prima qualità (tirosolo e altri antiossidanti), come i precursori degli 3 utilizzando i prodotti di scarto della lavorazione delle olive (fogliame fresco, noccioli e sansa). L’impianto analizzato è molto diverso rispetto quello tradizionale con estrattori chimico-biologici, che possono inquinare l’ambiente, ed è integrato con un impianto di digestione anaerobica innovativo e il tutto è connesso con un impianto di cogenerazione. Esso è costituito da una serie di fasi operative che prevedono: - separazione delle olive dal fogliame fresco; - stoccaggio e invio del fogliame all’impianto di estrazione a fluidi supercritici; - snocciolamento delle olive; - triturazione dei noccioli di oliva; - stoccaggio, eventuale vendita e alimentazione del polverino dei noccioli d’oliva in un impianto di combustione per la produzione di energia termica, utilizzabile per i consumi energetici di realtà aziendali energivore vicine o lontane dall’impianto integrato. Nello stesso combustore viene inserito il residuo solido del fogliame proveniente dall’estrazione a fluidi supercritici. Tale attività è limitata nel periodo di raccolta delle olive, ma può essere prolungata utilizzando altri residui solidi; - stoccaggio della sansa e invio in un impianto innovativo di digestione anaerobica a quattro fasi (idrogenesi aerobica, idrogenesi anaerobica, acidogenesi-acetogenesi e metanogenesi), per la produzione di biogas utilizzabile nell’impianto di cogenerazione per la produzione di energia elettrica e termica per i fabbisogni interni. Inserito nell’intera filiera produttiva c’è l’impianto di spremitura a freddo dell’olio alimentato con l’energia elettrica autoprodotta

Impianto innovativo di produzione del tirasolo da scarti della lavorazione delle olive

POZZETTO, DARIO;
2016

Abstract

Scopo di questa memoria è quello di illustrare il ciclo di lavoro e l’impianto innovativo di produzione di composti ad alto valore economico e di prima qualità (tirosolo e altri antiossidanti), come i precursori degli 3 utilizzando i prodotti di scarto della lavorazione delle olive (fogliame fresco, noccioli e sansa). L’impianto analizzato è molto diverso rispetto quello tradizionale con estrattori chimico-biologici, che possono inquinare l’ambiente, ed è integrato con un impianto di digestione anaerobica innovativo e il tutto è connesso con un impianto di cogenerazione. Esso è costituito da una serie di fasi operative che prevedono: - separazione delle olive dal fogliame fresco; - stoccaggio e invio del fogliame all’impianto di estrazione a fluidi supercritici; - snocciolamento delle olive; - triturazione dei noccioli di oliva; - stoccaggio, eventuale vendita e alimentazione del polverino dei noccioli d’oliva in un impianto di combustione per la produzione di energia termica, utilizzabile per i consumi energetici di realtà aziendali energivore vicine o lontane dall’impianto integrato. Nello stesso combustore viene inserito il residuo solido del fogliame proveniente dall’estrazione a fluidi supercritici. Tale attività è limitata nel periodo di raccolta delle olive, ma può essere prolungata utilizzando altri residui solidi; - stoccaggio della sansa e invio in un impianto innovativo di digestione anaerobica a quattro fasi (idrogenesi aerobica, idrogenesi anaerobica, acidogenesi-acetogenesi e metanogenesi), per la produzione di biogas utilizzabile nell’impianto di cogenerazione per la produzione di energia elettrica e termica per i fabbisogni interni. Inserito nell’intera filiera produttiva c’è l’impianto di spremitura a freddo dell’olio alimentato con l’energia elettrica autoprodotta
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Articolo Ecomondo 2016.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 2.08 MB
Formato Adobe PDF
2.08 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2897494
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact