La famiglia delle Lichinaceae comprende generi di licheni crostosi con morfologie e fotobionti molto diversi, alcuni dei quali sono particolarmente controversi e problematici. In genere si tratta di organismi pionieri tolleranti forti stress ambientali, che vivono su suoli minerali e pareti rocciose con percolamento d’acqua, in ambienti caratterizzati in genere da elevato irraggiamento. Pterygiopsis è un genere di una ventina di licheni prevalentemente epilitici, con habitus da crostoso a sub-squamuloso umbilicato, di difficile identificazione. Alcune specie sono note solo per il materiale tipo e la loro interpretazione è molto problematica. Per l’Italia è nota un’unica specie, Pterygiopsis affinis Massal., che è relativamente frequente su affioramenti calcarei e dolomitici e si caratterizza per avere un tallo placodioide e aschi polispori, con spore da ellissoidali a subsferiche. Alcuni anni fa in Puglia era stata raccolta una Pterygiopsis evidentemente molto prossima a P. affinis, ma con superficie evidentemente sorediata e tallo nettamente più robusto. Per poter interpretare la sua posizione tassonomica si è iniziato uno studio critico dell’intero genere. Per ogni taxon noto in letteratura è stata recuperata la diagnosi originale, che è stata integrata con le descrizioni fornite in Flore e opere monografiche. È stata quindi costruita una matrice “taxa/caratteri”, con l’obiettivo di produrre una chiave di identificazione. Nel frattempo sono in corso dei campionamenti nella regione pugliese per cercare di reperire ulteriori popolazioni del taxon sorediato, al fine di verificare se i caratteri morfologici osservati nella ricca collezione originale sono costantemente espressi.

Considerazioni preliminari su una possibile nuova Pterygiopsis trovata in Puglia

ONGARO, SILVIA;MARTELLOS, Stefano;TRETIACH, Mauro
2016

Abstract

La famiglia delle Lichinaceae comprende generi di licheni crostosi con morfologie e fotobionti molto diversi, alcuni dei quali sono particolarmente controversi e problematici. In genere si tratta di organismi pionieri tolleranti forti stress ambientali, che vivono su suoli minerali e pareti rocciose con percolamento d’acqua, in ambienti caratterizzati in genere da elevato irraggiamento. Pterygiopsis è un genere di una ventina di licheni prevalentemente epilitici, con habitus da crostoso a sub-squamuloso umbilicato, di difficile identificazione. Alcune specie sono note solo per il materiale tipo e la loro interpretazione è molto problematica. Per l’Italia è nota un’unica specie, Pterygiopsis affinis Massal., che è relativamente frequente su affioramenti calcarei e dolomitici e si caratterizza per avere un tallo placodioide e aschi polispori, con spore da ellissoidali a subsferiche. Alcuni anni fa in Puglia era stata raccolta una Pterygiopsis evidentemente molto prossima a P. affinis, ma con superficie evidentemente sorediata e tallo nettamente più robusto. Per poter interpretare la sua posizione tassonomica si è iniziato uno studio critico dell’intero genere. Per ogni taxon noto in letteratura è stata recuperata la diagnosi originale, che è stata integrata con le descrizioni fornite in Flore e opere monografiche. È stata quindi costruita una matrice “taxa/caratteri”, con l’obiettivo di produrre una chiave di identificazione. Nel frattempo sono in corso dei campionamenti nella regione pugliese per cercare di reperire ulteriori popolazioni del taxon sorediato, al fine di verificare se i caratteri morfologici osservati nella ricca collezione originale sono costantemente espressi.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Abstract_SLI_2016.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 618.73 kB
Formato Adobe PDF
618.73 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/2946278
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact