Ripetizione e intertestualità nella poesia di Daniel Maximin