La corte e "le corti": sovranità e diplomazia nei ducati padani