Alcune considerazioni sulla recente riproposizione dell'idea di"guerra giusta"