Medardo al confine orientale. Gorizia, Nova Gorica e la “nuova” Europa