Che fare. La progettazione soggettiva del futuro fatta dagli esuli