A proposito di uno studio recente sulla donna e la morte nella tragedia