Le foibe tra storiografia e uso pubblico