Per una filosofia hegeliana degli spazi naturali e umani: l'anomalia paradigmatica del "caso" Trieste