Carl Stumpf nell'interpretazione di C. Fabro