Di fatto, l’unico criterio riportato in documenti ufficiali (disposizioni di legge, linee-guida, raccomandazioni di organismi sanitari e scientifici, ecc.), che regoli l’accesso alla fecondazione in vitro è rappresentato dall’età, anche se come visto, la normativa italiana rimanda al singolo medico la decisione “di non procedere alla procreazione medicalmente assistita, esclusivamente per motivi di ordine medico-sanitario.” (art. 6, c. 4 L. 40/2004). Tuttavia, procedere o non procedere al trattamento rappresenta una difficile decisione in cui sono in gioco interessi che confliggono. Da una parte la coppia che ha l’interesse di provare tutto il possibile per avere un bambino. Dall’altra il medico che ha l’interesse di evitare danni ai pazienti e ai nascituri, e di evitare la frustrazione di fornire trattamenti virtualmente certi di fallimento, oltre l’interesse comune, nel caso di procedure in centri del sistema sanitario pubblico, di evitare speco di risorse (spese per personale, spazi, apparecchiature, farmaci, ecc.), che potrebbero essere più opportunamente allocate.

Fecondazione assistita per tutte? Quando bisogna dire no!

RICCI, GIUSEPPE;;;CERVI, GINA;
2012

Abstract

Di fatto, l’unico criterio riportato in documenti ufficiali (disposizioni di legge, linee-guida, raccomandazioni di organismi sanitari e scientifici, ecc.), che regoli l’accesso alla fecondazione in vitro è rappresentato dall’età, anche se come visto, la normativa italiana rimanda al singolo medico la decisione “di non procedere alla procreazione medicalmente assistita, esclusivamente per motivi di ordine medico-sanitario.” (art. 6, c. 4 L. 40/2004). Tuttavia, procedere o non procedere al trattamento rappresenta una difficile decisione in cui sono in gioco interessi che confliggono. Da una parte la coppia che ha l’interesse di provare tutto il possibile per avere un bambino. Dall’altra il medico che ha l’interesse di evitare danni ai pazienti e ai nascituri, e di evitare la frustrazione di fornire trattamenti virtualmente certi di fallimento, oltre l’interesse comune, nel caso di procedure in centri del sistema sanitario pubblico, di evitare speco di risorse (spese per personale, spazi, apparecchiature, farmaci, ecc.), che potrebbero essere più opportunamente allocate.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2757588
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact