Tra benefattori e collezionisti: la raccolta d'arte dell'antico Istituto dei poveri di Trieste