L’italiano della moda tra tecnicismo e pubblicità