Il globale e la città. Dalla cultura-confine allo spazio aperto della cultura