Sonni salutari, incubi spaventosi e sogni ad occhi aperti. Con una nota su Schiller e la fantasia