L’esposizione occupazionale a vibrazioni meccaniche può verificarsi in un'ampia varietà di processi e operazioni lavorative svolte nell'industria, nel settore agricolo-forestale e nei servizi di pubblica utilità. Si stima che circa il 23-25% dei lavoratori europei sia esposto a vibrazioni meccaniche, di cui il 35% di sesso maschile e il 10% di sesso femminile. L’esposizione a vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio da utensili portatili può causare un insieme di disturbi neurologici, vascolari e muscolo-scheletrici a carico degli arti superiori, definiti con termine unitario sindrome da vibrazioni mano-braccio. L’esposizione a vibrazioni trasmesse al corpo intero durante la guida di macchine industriali/agricole o veicoli di trasporto è associata ad una aumentata occorrenza di disturbi e patologie a carico del rachide, in particolare del tratto lombare. Allo scopo di prevenire, o almeno limitare, i danni alla salute nei lavoratori esposti, le legislazioni europea e nazionale hanno fissato valori di azione e valori limite di esposizione per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio e al corpo intero. Qualora il valore di azione venisse superato, il datore di lavoro ha l’obbligo di implementare azioni amministrative, tecniche e sanitare volte a salvaguardare lo stato di salute dei lavoratori. Il valore limite di esposizione non deve essere mai superato in quanto associato ad un’elevata probabilità di danni alla salute nei lavoratori esposti. Sono attualmente disponibili tecnologie e dispositivi di protezione individuale idonei a prevenire gli effetti nocivi delle vibrazioni meccaniche.

Agenti fisici – Vibrazioni meccaniche

BOVENZI, MASSIMO
2015

Abstract

L’esposizione occupazionale a vibrazioni meccaniche può verificarsi in un'ampia varietà di processi e operazioni lavorative svolte nell'industria, nel settore agricolo-forestale e nei servizi di pubblica utilità. Si stima che circa il 23-25% dei lavoratori europei sia esposto a vibrazioni meccaniche, di cui il 35% di sesso maschile e il 10% di sesso femminile. L’esposizione a vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio da utensili portatili può causare un insieme di disturbi neurologici, vascolari e muscolo-scheletrici a carico degli arti superiori, definiti con termine unitario sindrome da vibrazioni mano-braccio. L’esposizione a vibrazioni trasmesse al corpo intero durante la guida di macchine industriali/agricole o veicoli di trasporto è associata ad una aumentata occorrenza di disturbi e patologie a carico del rachide, in particolare del tratto lombare. Allo scopo di prevenire, o almeno limitare, i danni alla salute nei lavoratori esposti, le legislazioni europea e nazionale hanno fissato valori di azione e valori limite di esposizione per le vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio e al corpo intero. Qualora il valore di azione venisse superato, il datore di lavoro ha l’obbligo di implementare azioni amministrative, tecniche e sanitare volte a salvaguardare lo stato di salute dei lavoratori. Il valore limite di esposizione non deve essere mai superato in quanto associato ad un’elevata probabilità di danni alla salute nei lavoratori esposti. Sono attualmente disponibili tecnologie e dispositivi di protezione individuale idonei a prevenire gli effetti nocivi delle vibrazioni meccaniche.
9788829927081
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2839021
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact