Il contributo si interroga sulla possibilità di declinare in prospettiva femminista la biopolitica affermativa proposta da Roberto Esposito. In questa ottica intreccia la visione di Judith Butler con quella dello stesso Esposito e prova ad analizzare l'opera dell'artista sudafricana Zanele Muholi, come voce che interroga il problema dell'intreccio tra corpi e spazi di vita in una dimensione biopolitica.

Biopolitik, Körper und Lebensräume: ein feministischer Blick

ADAMO, SERGIA
2014

Abstract

Il contributo si interroga sulla possibilità di declinare in prospettiva femminista la biopolitica affermativa proposta da Roberto Esposito. In questa ottica intreccia la visione di Judith Butler con quella dello stesso Esposito e prova ad analizzare l'opera dell'artista sudafricana Zanele Muholi, come voce che interroga il problema dell'intreccio tra corpi e spazi di vita in una dimensione biopolitica.
978-3-8376-2160-0
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Adamo 11368_2841594.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 1.59 MB
Formato Adobe PDF
1.59 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2841594
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact