Il "De Vulgari Eloquentia" e l'articolazione del molteplice come fondamento dell'identità italiana