Tradurre e tradursi. Leopardi e l'originale immaginario