Fogazzaro e le lacerazioni della realtà