Antonio Canova, il procuratore Pietro Vettor e il giovane Pietro Pisani