Jünger, il realismo sociale e la “terza navigazione” di Evola