Il testo descrive il ruolo della fotografia nel far conoscere e apprezzare luoghi meno noti e del fotografare come atto per imparare a vedere e per prendere consapevolezza delle parti costitutive del paesaggio. L'opera di Caldart, forestale e fotografo, riproduce la specificità del territorio della Venezia Giulia degli anni Trenta e consente allo spettatore di oggi di identificarsi con il passato e di identificare l'esistenza di una dissonanza tra un ambiente fisico immutato e la trasformazione della vita locale.

Vedere è pensare. Attorno all’uso della fotografia in Francesco Caldart

ZAGO, MORENO
2015

Abstract

Il testo descrive il ruolo della fotografia nel far conoscere e apprezzare luoghi meno noti e del fotografare come atto per imparare a vedere e per prendere consapevolezza delle parti costitutive del paesaggio. L'opera di Caldart, forestale e fotografo, riproduce la specificità del territorio della Venezia Giulia degli anni Trenta e consente allo spettatore di oggi di identificarsi con il passato e di identificare l'esistenza di una dissonanza tra un ambiente fisico immutato e la trasformazione della vita locale.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Zago Caldart.pdf

non disponibili

Descrizione: PDF versione editoriale
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 270.19 kB
Formato Adobe PDF
270.19 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2869781
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact