“Ministro di pace” o spia onorevole ? Scritti sull’ambasciatore nel tardo Seicento italiano