Un metodo filologico in atto? L’Euripide del 1503, le Baccanti e la (apparente) riscoperta della responsione strofica