Il patrizio veneziano Alvise Pisani (1522-1570), di famiglia legata alla Santa Sede, visse all'ombra del potente zio, il cardinale Francesco Pisani, prelato assenteista e pluribeneficiario. Le sue apparizioni al concilio di Trento e nella diocesi di Padova, di cui fu vescovo dal 1555, furono fugaci e poco significative. Accumulò benefici per circa 8.000 ducati; non fu mai ordinato sacerdote. Nel testamento decreto copiosi lasciti ai figli e alle figlie naturali. Ma il testamento, giudicato scandaloso, fu annullato dai papi Pio V e Gregorio XIII.

Pisani, Alvise

TREBBI, GIUSEPPE
2015

Abstract

Il patrizio veneziano Alvise Pisani (1522-1570), di famiglia legata alla Santa Sede, visse all'ombra del potente zio, il cardinale Francesco Pisani, prelato assenteista e pluribeneficiario. Le sue apparizioni al concilio di Trento e nella diocesi di Padova, di cui fu vescovo dal 1555, furono fugaci e poco significative. Accumulò benefici per circa 8.000 ducati; non fu mai ordinato sacerdote. Nel testamento decreto copiosi lasciti ai figli e alle figlie naturali. Ma il testamento, giudicato scandaloso, fu annullato dai papi Pio V e Gregorio XIII.
9788812000326
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Alvise Pisani pdf.pdf

non disponibili

Descrizione: pdf editoriale
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 2.67 MB
Formato Adobe PDF
2.67 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/2873012
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact