Il saggio espone le tesi del Giovanni Canestrini antropologo alla luce del contesto della storia dell'antropologia in Europa. Diversamente da quanto si potrebbe immaginare, l'antropologia non si sviluppa nelle principali nazioni europee (Francia, Germania, la stessa Inghilterra) quale conseguenza del darwinismo o in sinergia con esso; in molti casi è vero il contrario. Il caso dell'Italia, dove i primi a occuparsi di antropologia scientifica a livello istituzionale sono Mantegazza e Canestrini, darwinisti convinti, è dunque una singolare e interessante anomalia.

L’antropologia al bivio. Giovanni Canestrini e il significato della scienza dell’uomo

MARTINELLI, RICCARDO
2016

Abstract

Il saggio espone le tesi del Giovanni Canestrini antropologo alla luce del contesto della storia dell'antropologia in Europa. Diversamente da quanto si potrebbe immaginare, l'antropologia non si sviluppa nelle principali nazioni europee (Francia, Germania, la stessa Inghilterra) quale conseguenza del darwinismo o in sinergia con esso; in molti casi è vero il contrario. Il caso dell'Italia, dove i primi a occuparsi di antropologia scientifica a livello istituzionale sono Mantegazza e Canestrini, darwinisti convinti, è dunque una singolare e interessante anomalia.
978-88-97336-44-0
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Canestrini_ed.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 846.35 kB
Formato Adobe PDF
846.35 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2880937
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact