L'autore esamina la nozione di complicità nel delitto elaborata dai giuristi romani, e in particolare il caso in cui un complice realizzi un illecito diverso da quello concordato. Il problema più rilevante riguarda il criterio di attribuzione della responsabilità per il complice che non ha voluto il delitto posto in essere dall'altro concorrente.

Nec consilium vel opem ferre sine dolo malo posse: Ulpiano e due casi di complicità senza dolo?

FERRETTI, Paolo
2016

Abstract

L'autore esamina la nozione di complicità nel delitto elaborata dai giuristi romani, e in particolare il caso in cui un complice realizzi un illecito diverso da quello concordato. Il problema più rilevante riguarda il criterio di attribuzione della responsabilità per il complice che non ha voluto il delitto posto in essere dall'altro concorrente.
9788867353835
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2016 Scritti Corbino.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 380.52 kB
Formato Adobe PDF
380.52 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
2885994_2016 Scritti Corbino-PostPrint.pdf

accesso aperto

Descrizione: Post Print VQR3
Tipologia: Bozza finale post-referaggio (post-print)
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 901.03 kB
Formato Adobe PDF
901.03 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2885994
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact