Militari e divinità “orientali”: a proposito della dedica Deae Corypheae sive Caelesti Aug(ustae) da Neviodunum