L'umanista triestino Andrea Rapicio (1533-1573), schierato per tradizione familiare con la corrente filoimperiale del Consiglio di Trieste, difese come Consigliere imperiale il diritto asburgico alla libertà di navigazione nell'Adriatico, osteggiata da Venezia. Designato dall'Imperatore come vescovo di Trieste, ottenne con qualche ritardo la conferma romana a causa dei suoi contrasti con il patriarca di Aquileia. Governò con zelo la sua diocesi ed ottenne da Roma la dispensa per il matrimonio dell'arciduca Carlo d'Asburgo con una principessa bavarese, decisivo per la restaurazione cattolica nell'Austria interna.

Ravizza (Rapicio), Andrea

TREBBI, GIUSEPPE
2016

Abstract

L'umanista triestino Andrea Rapicio (1533-1573), schierato per tradizione familiare con la corrente filoimperiale del Consiglio di Trieste, difese come Consigliere imperiale il diritto asburgico alla libertà di navigazione nell'Adriatico, osteggiata da Venezia. Designato dall'Imperatore come vescovo di Trieste, ottenne con qualche ritardo la conferma romana a causa dei suoi contrasti con il patriarca di Aquileia. Governò con zelo la sua diocesi ed ottenne da Roma la dispensa per il matrimonio dell'arciduca Carlo d'Asburgo con una principessa bavarese, decisivo per la restaurazione cattolica nell'Austria interna.
978-88-12-00032-6
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Trebbi Andrea Ravizza Rapicio.pdf

non disponibili

Descrizione: voce biografica
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 3.4 MB
Formato Adobe PDF
3.4 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2903210
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact