Può apparire improprio parlare di “invenzione della tradizione” in relazione a Le Corbusier, un maestro considerato un campione della modernità, che tenderemmo a collocare sotto il sigillo dell’innovazione, dunque dell’invenzione, piuttosto che sotto quello della tradizione. In realtà, anche nei manifesti degli anni ’20, provocatori e dirompenti rispetto alla tradizione, la modernità mantiene sempre una distanza misurabile dai riferimenti accanto a cui è posta, in opposizione ma, più che altro, in un processo che si potrebbe definire di reinvenzione. Invenzione, nella sua etimologia (da invenire, trovare) contiene il significato di imbattersi in qualcosa che già esiste. L’accezione del termine si è poi spostata sulla novità, per cui qualcosa che già c’è viene “scoperto” mentre viene “inventato” ciò che è completamente nuovo. Dunque, nella sua origine, “inventare” non è così lontano da “tramandare”, che è il trovare e trasmettere in avanti: la tradizione fa rivivere nuovamente ciò che è stato già fatto. Ciò che per eccellenza si tramanda è il mito: una materia che ogni autore reinventa, per farne tragedia, commedia, poesia. Le Corbusier, come artista figurativo e come “uomo di lettere”, come chiese di essere definito nei documenti di identità, è uno dei “reinventori” del mito.

Mito e reinvenzione in Le Corbusier

SCAVUZZO, GIUSEPPINA
2017

Abstract

Può apparire improprio parlare di “invenzione della tradizione” in relazione a Le Corbusier, un maestro considerato un campione della modernità, che tenderemmo a collocare sotto il sigillo dell’innovazione, dunque dell’invenzione, piuttosto che sotto quello della tradizione. In realtà, anche nei manifesti degli anni ’20, provocatori e dirompenti rispetto alla tradizione, la modernità mantiene sempre una distanza misurabile dai riferimenti accanto a cui è posta, in opposizione ma, più che altro, in un processo che si potrebbe definire di reinvenzione. Invenzione, nella sua etimologia (da invenire, trovare) contiene il significato di imbattersi in qualcosa che già esiste. L’accezione del termine si è poi spostata sulla novità, per cui qualcosa che già c’è viene “scoperto” mentre viene “inventato” ciò che è completamente nuovo. Dunque, nella sua origine, “inventare” non è così lontano da “tramandare”, che è il trovare e trasmettere in avanti: la tradizione fa rivivere nuovamente ciò che è stato già fatto. Ciò che per eccellenza si tramanda è il mito: una materia che ogni autore reinventa, per farne tragedia, commedia, poesia. Le Corbusier, come artista figurativo e come “uomo di lettere”, come chiese di essere definito nei documenti di identità, è uno dei “reinventori” del mito.
978-88-7115-935-5
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Il Poligrafo_Invenzione della tradizione_Scavuzzo.pdf

non disponibili

Descrizione: Saggio completo
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 645.08 kB
Formato Adobe PDF
645.08 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2904566
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact