Nella grotta “Ma che Liberazione” sono stati raccolti 9 campioni di sedimenti pelitici sciolti. Tramite i “limiti di Atterberg” sono stati classificati come limi argillosi (MH) e argille limose (CL – CH). Le analisi, tramite la diffrattometria a raggi X, hanno permesso di constatare che sono costituiti da abbondanti fillosilicati seguiti da quarzo, scarsi feldspati e quantità variabili di calcite, che può essere anche assente. Tra i fillosilicati, il più abbondante è l’illite, seguita dalla clorite. Scarsa è la caolinite e ancora più scarsa o assente la smectite. Sono stati analizzati anche due campioni di argille e argilliti, che formavano straterelli spessi qualche centimetro entro gli strati calcarei. Si è visto che la loro composizione è diversa dai campioni esaminati precedentemente, infatti il minerale nettamente prevalente è l’illite (> 90%). Seguono scarse quantità di quarzo, feldspati, clorite e calcite. La sua origine, pertanto, è diversa dai campioni precedenti. In the cave “Ma che Liberazione” (“What a Liberation” cave) we collected 9 samples of pelitic loose sediments. Through the “Atterberg Limits” we classified them as clayey silts (MH) and silty clays (CL – CH). The analyzes, by means of the X-ray diffraction, have revealed that they consist of abundant phyllosilicates followed by quartz, scarce feldspar and variable amounts of calcite, which may be also absent. Among the phyllosilicates, illite is the most abundant, followed by chlorite. Kaolinite is scarce and smectite is even more scarce or absent. We, also, have analyzed two samples of clays and shales, which formed little layers of few centimetres thick within the limestone layers. We have seen that their composition is different from the samples previously examined, indeed the clearly prevalent mineral is illite (> 90%). Follow small quantities of quartz, feldspars, chlorite and calcite. Their origin, therefore, is different from the previous samples.

Caratterizzazione mineralogica dei sedimenti pelitici sciolti e di argille e argilliti d’interstrato presenti nella grotta “Ma che Liberazione” (Monte Ciaurlec, Prealpi Carniche).

PRINCIVALLE, FRANCESCO
2016

Abstract

Nella grotta “Ma che Liberazione” sono stati raccolti 9 campioni di sedimenti pelitici sciolti. Tramite i “limiti di Atterberg” sono stati classificati come limi argillosi (MH) e argille limose (CL – CH). Le analisi, tramite la diffrattometria a raggi X, hanno permesso di constatare che sono costituiti da abbondanti fillosilicati seguiti da quarzo, scarsi feldspati e quantità variabili di calcite, che può essere anche assente. Tra i fillosilicati, il più abbondante è l’illite, seguita dalla clorite. Scarsa è la caolinite e ancora più scarsa o assente la smectite. Sono stati analizzati anche due campioni di argille e argilliti, che formavano straterelli spessi qualche centimetro entro gli strati calcarei. Si è visto che la loro composizione è diversa dai campioni esaminati precedentemente, infatti il minerale nettamente prevalente è l’illite (> 90%). Seguono scarse quantità di quarzo, feldspati, clorite e calcite. La sua origine, pertanto, è diversa dai campioni precedenti. In the cave “Ma che Liberazione” (“What a Liberation” cave) we collected 9 samples of pelitic loose sediments. Through the “Atterberg Limits” we classified them as clayey silts (MH) and silty clays (CL – CH). The analyzes, by means of the X-ray diffraction, have revealed that they consist of abundant phyllosilicates followed by quartz, scarce feldspar and variable amounts of calcite, which may be also absent. Among the phyllosilicates, illite is the most abundant, followed by chlorite. Kaolinite is scarce and smectite is even more scarce or absent. We, also, have analyzed two samples of clays and shales, which formed little layers of few centimetres thick within the limestone layers. We have seen that their composition is different from the samples previously examined, indeed the clearly prevalent mineral is illite (> 90%). Follow small quantities of quartz, feldspars, chlorite and calcite. Their origin, therefore, is different from the previous samples.
978-88-7562-173-5
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Princivalle.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Digital Rights Management non definito
Dimensione 2.2 MB
Formato Adobe PDF
2.2 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2905085
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact