Il razionamento del cibo in URSS e nella Romania di Ceaușescu