Dalla percorribilità delle utopie alla segregazione postmoderna e ritorno