Utilizzando fonti d'archivo, in particolare la banca dati del progetto di ricerca "I cattolici e il cinema in Italia dagli anni '40 agli anni '60", il saggio ricostruisce la filiera realizzativa del film che Mario Soldati trasse dal romanzo omonimo di Fogazzaro, "Daniele Cortis" (1947), prodotto da Salvo d'Angelo per la Universalia. Nonostante la gravitazione in orbita vaticana e le oculate direttive del CCC, lo spirito libero di Soldati si mantiene fedele solo a se stesso, anche nella personale opzione estetica, lontana ed estranea all'imperante orientamento neorealista. Riguardato nel tempo ampio della lunga durata e della comune appartenenza al melodramma cinematografico, il film presenta alcuni punti di contatto con "Senso" di Luchino Visconti. L'analisi narratologica comparata pone in luce singolari analogie non solo tra le protagoniste dei rispettivi film, ma anche tra i comprimari, come la figura viscontiana di Franz e il Barone di Santa Giulia nel film di Soldati, personaggio tanto detestato dagli Enti produttivi ecclesiatici quanto amato dal regista.

Un film fuori tempo e oltre la norma

Luciano De Giusti
2018-01-01

Abstract

Utilizzando fonti d'archivo, in particolare la banca dati del progetto di ricerca "I cattolici e il cinema in Italia dagli anni '40 agli anni '60", il saggio ricostruisce la filiera realizzativa del film che Mario Soldati trasse dal romanzo omonimo di Fogazzaro, "Daniele Cortis" (1947), prodotto da Salvo d'Angelo per la Universalia. Nonostante la gravitazione in orbita vaticana e le oculate direttive del CCC, lo spirito libero di Soldati si mantiene fedele solo a se stesso, anche nella personale opzione estetica, lontana ed estranea all'imperante orientamento neorealista. Riguardato nel tempo ampio della lunga durata e della comune appartenenza al melodramma cinematografico, il film presenta alcuni punti di contatto con "Senso" di Luchino Visconti. L'analisi narratologica comparata pone in luce singolari analogie non solo tra le protagoniste dei rispettivi film, ma anche tra i comprimari, come la figura viscontiana di Franz e il Barone di Santa Giulia nel film di Soldati, personaggio tanto detestato dagli Enti produttivi ecclesiatici quanto amato dal regista.
978-88-9356-05-42
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Daniele Cortis di Mario Soldati, un film fuori tempo e oltre la norma.pdf

Accesso chiuso

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Copyright Editore
Dimensione 399.53 kB
Formato Adobe PDF
399.53 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11368/2936273
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact