la legge di riordino territoriale del 2014 n.56 ha abolito le province, introdotto le aree vaste e le città metropolitane e ha incentivato l'aggregazione delle amministrazioni comunali al fine di ridurre il numero dei Comuni. Tale spinta ha avuto un risultato differenziato nelle varie regioni, con andamenti distinti nel periodo compreso a seconda degli spazi in cui l'azione si è sviluppata. Il contributo presenta un bilancio dell'opera e discute l'operato delle diverse amministrazioni .

“Non tutti nella capitale sbocciano i fiori del male, qualche assassinio senza pretese lo abbiamo anche noi in paese”: riordino territoriale e fusione di Comuni dopo la legge 56 del 2014

zilli sergio
2018

Abstract

la legge di riordino territoriale del 2014 n.56 ha abolito le province, introdotto le aree vaste e le città metropolitane e ha incentivato l'aggregazione delle amministrazioni comunali al fine di ridurre il numero dei Comuni. Tale spinta ha avuto un risultato differenziato nelle varie regioni, con andamenti distinti nel periodo compreso a seconda degli spazi in cui l'azione si è sviluppata. Il contributo presenta un bilancio dell'opera e discute l'operato delle diverse amministrazioni .
978-88-908926-4-6
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Zilli - riordino territoriale e fusione di comuni 2018.pdf

accesso aperto

Descrizione: articolo principale
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione 226.66 kB
Formato Adobe PDF
226.66 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11368/2940135
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact