Uno scettico humiano? Bruno Celano e il pluralismo dei valori