I nativi digitali e l'entropia della partecipazione: gli "hikikomori" in Italia